Haccp magazzino alimentare: evita la contaminazione alimentare durante la conservazione

A cosa serve il sistema HACCP per magazzini alimentari?

Il sistema Haccp per magazzino alimentare è un’organizzazione messa in atto per evitare che si vengano a creare delle situazioni rischiose per la salute dei consumatori. In questo sistema il protagonista è il magazzino, in particolare la parte gestionale di esso.

Ma oltre ai luoghi di stoccaggio alimentare come i magazzini, hanno la necessità di osservare le regole di igiene e sicurezza anche tutti quei luoghi che sono soggetti alla conservazione di prodotti alimentari e bevande. Tra questi ricordiamo gli esercizi commerciali che trattano prodotti destinati all’alimentazione come:

  • locali pubblici
  • mense
  • bar
  • fornai
  • cantine vinicole
  • produttori di miele e così via.

Analizziamo quindi, i punti salienti che non devono mai mancare nel Manuale di autocontrollo Haccp.

Punti chiave del sistema Haccp per evitare la contaminazione alimentare

MAGAZZINO alimentare 300x196 - Haccp magazzino alimentare: evita la contaminazione alimentare durante la conservazione

Per evitare la contaminazione alimentare la prima cosa da mantenere in un magazzino alimentare è l’assoluta pulizia tra le corsie che ospitano gli scaffali in cui vengono stoccate le derrate alimentari. In particolar modo bisogna fare attenzione alle aree circostanti alle entrate come porte, finestre, stanze da bagno, luoghi da cui possono accedere i parassiti e gli animali che solitamente attaccano i magazzini alimentari.

La corretta manutenzione aiuta a tenere sotto controllo la situazione, inoltre gli scaffali devono essere realizzati con materiale lavabile in modo da permettere una facile e profonda pulizia e sanificazione. Ogni scaffale deve avere una distanza dal pavimento tale da permettere la pulizia evitando l’accumulo di polvere e parassiti. La stessa attenzione va posta nei riguardi della detersione dei macchinari che vengono utilizzati nel magazzino, per esempio i carrelli che si utilizzano per trasportare la merce.

Vedi anche  Controlli Haccp: ispezioni e controlli asl nei bar e ristoranti

Circa due volte al mese è necessario un controllo a pavimenti e soffitti, adeguamento immediato alle norme vigenti in caso di mutamento. Anche per i pavimenti e i soffitti è necessaria un’accurata pulizia come per le tapparelle ove presenti, inoltre è necessario sigillare eventuali crepe nelle pareti, luoghi che possono fungere da nascondigli per gli insetti e parassiti dannosi per la salute dei consumatori.

Ulteriori regole Haccp nel manuale per la gestione del magazzino

Nei magazzini alimentari non devono essere presenti controsoffitti in quanto vi si possono annidiare parassiti pericolosi per le derrate alimentari. In caso si tratti di magazzini di vecchia fattura e quindi con contro soffittatura, di dovrà provvedere a pianificare un adeguata pulizia degli stessi. I controlli sulle scadenze degli alimenti devono essere effettuati regolarmente specificando le modalità di ritiro o restituzione del prodotto. Allo stesso modo è importante effettuare un controllo su ogni prodotto in entrata per verificare che sia conforme.
La pulizia del magazzino deve essere eseguita utilizzando specifici prodotti conformi al Manuale di autocontrollo Haccp ed è necessario inserire nel manuale la descrizione tecnica dei prodotti utilizzati per eventuali controlli. Andrà indicata anche la pianificazione della manutenzione degli strumenti utilizzati in magazzino compresi gli scaffali. Per quanto riguarda il controllo della temperatura dell’ambiente di stoccaggio delle derrate alimentari con conservazione a breve termine o nel caso si tratti di alimenti non deperibili, non è indispensabile.

Haccp: per quali aziende di distribuzione è obbligatorio

Ogni operatore che faccia parte del settore alimentare è soggetto al rispetto delle norme di igiene e sicurezza che vengono stabilite dal manuale o piano di autocontrollo. Questo consente di avere delle linee guida sulla gestione degli alimenti e la loro conservazione.

Vedi anche  Manuale Haccp per il trasporto di alimenti freschi e confezionati

Le categorie che sono obbligate ad avere una Manuale Haccp sono le seguenti: attività industriali adibite alla preparazione e confezionamento di prodotti alimentari e bevande, aziende agricole, caseifici, macellai, fornerie, produttori di vino, mulini atti alla produzione di farine, produttori di olio e caffè, industrie di cibo per animali, laboratori alimentari. Inoltre sono inclusi i produttori di miele, marmellata, uova.

Ogni magazzino che contiene alimenti è sottoposto all’obbligo del Manuale Haccp in ugual modo, come anche i locali di ristorazione o adibiti alla distribuzione di bevande. Tra queste attività bisogna aggiungere anche le farmacie che vendono prodotti farmaceutici che necessitano di conservazione in frigorifero.

Come ottenere il Manuale di autocontrollo Haccp

Per avere il Manuale di autocontrollo Haccp in regola con le normative vigenti bisogna contattare un esperto della sicurezza alimentare presso enti riconosciuti. Il tecnico adibito a questo compito stilerà il Manuale Haccp adeguato alla situazione.

Il regolamento CE 852/04 stabilisce le regole su cui si deve basare l’addetto alla sicurezza alimentare per redigere il manuale. Una volta effettuati i controlli necessari il testo sarà stampato ed inviato al richiedente che verrà monitorato per ricordargli le date della compilazione delle schede a scadenza fissa per evitare di incappare in costose multe. La richiesta della stesura del Manuale di autocontrollo Haccp si può richiedere anche online.